Zuppa di Lenticchie e Castagne

La zuppa di lenticchie e castagne è un piatto delizioso che ci allieta la stagione.

Si tratta di un piatto di zuppa di lenticchie decorticate di stagione, calda e rassicurante come la copertina che ora di sera è così piacevole sentire addosso.

Una zuppa di lenticchie vegan tipica della cucina tradizionale abruzzese questa di lenticchie e castagne, che mangiavo spesso nei fini settimana invernali in Abruzzo. Per prepararla ho usato la lenticchia IGP di Castelluccio, la cui caratteristica principale è quella di avere la buccia sottile e tenera che ne permette la cottura senza ammollo. Inoltre, essendo coltivata in un’area in cui le temperature sono molto rigide (Castelluccio è una frazione di Norcia, in Umbria, situata sui monti Sibillini), è l’unico legume che non ha bisogno di alcun trattamento contro le larve per la conservazione.

ZUPPA DI LENTICCHIE RICETTA CON CASTAGNE

Cosa ti occorre:

(dose per 4 persone)

  • 200 g lenticchie di Castelluccio IGP
  • 15/20 castagne arrostite e sbucciate
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • un mazzetto guarnito fatto da timo, basilico e maggiorana
  • qualche foglia di alloro
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • sale e pepe qb

Come si fa:

  1. Fai cuocere le lenticchie in abbondante acqua insieme a qualche foglia di alloro. A fine cottura (ci vorranno circa 30 minuti) aggiungi il sale. Non buttare via l’acqua di cottura. (E’ possibile anche preparare la zuppa di lenticchie in pentola a pressione)
  2. In una pentola metti l’olio e aggiungi il concentrato di pomodoro sciolto in mezzo bicchiere di acqua, sale e pepe
  3. Aggiungi le lenticchie lessate, le castagne spezzettate e circa 1/2 litro della loro acqua di cottura. Mescola bene e lascia cuocere per 10 minuti
  4. Regola di sale, elimina il mazzetto di erbe e servi la zuppa calda o appena tiepida completando ogni piatto con un trito fresco di erbe aromatiche, qualche pezzettino di castagna, un filo d’olio fresco e, volendo, qualche fetta di pane tostato

 

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *