I Bocconcini di Cinghiale Stufati al Valcalepio Rosso

Tantissime sono con i bocconcini di carne ricette da realizzare, oggi scopriremo insieme la deliziosa ricetta dei Bocconcini di cinghiale stufati al Valcalepio Rosso.

Cosa ti occorre:

(Per 4 persone)

  • 1 kg circa di polpa di cinghiale tagliato a cubetti
  • 2 coste di sedano
  • 2 carote
  • 2 cipolle piccole
  • 1 foglia di alloro
  • 1 spicchio di aglio
  • 750 ml di vino rosso secco e corposo
  • 1/2 bottiglia circa di passata di pomodoro
  • olio EVO, sale, pepe

per la marinata:

  • 750 ml di vino VALCALEPIO rosso e corposo
  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota 1 costa di sedano
  • 1 foglia di alloro
  • 2-3 bacche di ginepro
  • 2-3 bacche di chiodi di garofano
  • 2-3 cardamomo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 rametto di rosmarino

Come si fa:

Lava la carne e tamponala con la carta assorbente. Mettila in un recipiente di vetro o di metallo (mai di plastica) insieme a 750 ml di vino rosso, al sedano e alla carota a pezzettoni, alla cipolla tagliata in quarti e steccata con i chiodi di garofano. Unisci anche la foglia di alloro, le bacche di ginepro, il cardamomo, l’aglio schiacciato e il rametto di rosmarino. Chiudi il recipiente con della pellicola alimentare e fai marinare per almeno 12 ore in frigorifero.

Sgocciola i bocconcini di cinghiale dalla marinata (che va gettata perché avrà preso il sapore di selvatico) e lavali bene sotto l’acqua corrente. Asciugali con la carta assorbente in modo che non ci siano residui di sangue. Prendi una capiente casseruola e trasferisci all’interno la carne insieme ad una cipolla, una costa di sedano e ad una carota (nuovi, non quelli della marinata insomma) ridotti a tocchetti. Aggiungi la foglia di alloro e copri con dell’acqua. Porta sul fuoco e lascia bollire piano per circa 5-10 minuti dall’inizio del bollore, avendo cura di eliminare la schiuma che si formerà in superficie con un mestolo forato.

Mentre la carne bolle trita una costa di sedano, una cipolla e la carota finemente (puoi utilizzare anche un mixer) e falli rosolare in una capiente casseruola insieme all’olio extravergine di oliva e all’aglio mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Quando la cipolla sarà trasparente (e il cinghiale avrà bollito leggermente per 5-10 minuti) elimina l’aglio e, aiutandoti con un mestolo forato, scola i bocconcini di carne trasferendoli direttamente nella casseruola con il soffritto appena preparato. Falli rosolare uniformemente, regola di sale e di pepe, quindi aggiungi il vino VALCALEPIO rosso. Quando, annusando, non sentirai più l’alcool, unisci la passata di pomodoro, copri e fai brasare a fiamma bassa per circa 2 ore e mezza, 3 ore o comunque fino a quando la carne sarà diventata tenera, mescolando di tanto in tanto. Se noti che durante la cottura la carne tende ad asciugarsi troppo aggiungi del brodo di carne caldo. Servi il cinghiale ben caldo accompagnandolo con dei crostoni di polenta.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *