Un’insalata variopinta e la mia parola ispiratrice per quest’anno

002b

Quest’anno, invece della tradizionale lista dei buoni propositi, ho cambiato strategia. Ho ormai constatato con certezza che i miei buoni propositi finivano puntualmente col naufragare dopo qualche giorno, settimana o, ben che andava, qualche mese dopo, lasciandomi dentro quello strano senso di colpa misto a un pizzico di autostima ferita. Una sensazione niente affatto simpatica né motivante.

A pensarci bene la famigerata “ lista” ha sempre avuto un approccio limitante e punitivo: non mangiare troppi dolci, fai almeno un’ora di ginnastica 3 volte a settimana, evita i carboidrati di sera, non rispondere male al collega arrogante, cammina almeno mezz’ora al giorno… Fai questo e non fare quello.

003

Quest’anno invece niente lista e niente imperativi. Ho pensato a lungo e poi deciso di scegliere una parola “guida” che mi accompagnasse durante tutto l’anno, ispirando le mie azioni e le mie giornate. Avevo le idee già abbastanza chiare ma per sceglierla, un po’ per gioco, un po’ per curiosità, ho usato questo opuscolo che ho scoperto per caso e che mi è piaciuto : Unravelling the year Ahead 2016 (Sveliamo l’anno che è davanti a noi) della blogger e scrittrice Susannah Conway. Se la vostra lista dei buoni propositi è già sulla rotta del naufragio e avete voglia di scegliere una parola ispiratrice per questo anno cominciato da poco, siete ancora in tempo!

La parola ispiratrice che ho scelto per il 2016, è  “unclutter”: fare ordine, pulizia.

008

Di carattere sono purtroppo piuttosto disordinata e accumulatrice. La voglia di avere ordine intorno e dentro di me è da sempre un mio grande desiderio. Eliminare il superfluo che mi riempie i cassetti, la borsa, i mobili della cucina, gli armadi e il beauty case! I pensieri spesso inutili che mi affollano la mente e che non mi permettono di godermi il momento, il cibo non proprio sano che per noia o per nervosismo mi capita di mangiare, persone che sento o frequento solo per convenzione o abitudine ma che non mi fanno sentire bene. Ognuno di noi si porta dietro un bel bagaglio di cose superflue. Alleggerirlo fa stare sicuramente meglio e, come sostengono molte teorie, l’ordine  aiuta a far fluire meglio l’energia dentro e intorno a noi!

005

Cominciamo dal cibo, visto che questo è decisamente il luogo giusto…..

Come sempre succede dopo i periodi di “bagordi”, viene  voglia di fare un po’ di “pulizia alimentare”.  Questa insalata bella colorata, oltre a essere veramente gustosa, con i suoi colori vivaci, è una vera gioia anche per gli occhi!

017

Tenere insalatine, zucca al vapore, il sapore intenso del formaggio caprino avvolto nei semini croccanti, l’acidulo di lamponi, qualche gheriglio di noce e per completare qualche fettina di cipolla di tropea. Per il condimento si può spaziare a proprio gusto con la fantasia. Dalla mediterranea citronette con un buon olio e tanto limone, come ho fatto io,  a qualcosa di più appetitoso aggiungendo all’olio un cucchiaino di senape o un pizzico di sapore esotico mescolando un cucchiaio di tahina a un buon olio

PicMonkey Collage 2

Cosa ti occorre

(dose per 2 persone)

  • una confezione di Tenere Insalatine di Bonduelle (lattughino verde, lattughino rosso, songino Valerianella, spinacino)
  • 4 fette di zucca violina
  • 1 formaggio caprino fresco
  • 3 cucchiai ciascuno di semi di sesamo e di papavero
  • 20 lamponi
  • qualche fettina di cipolla di tropea
  • qualche gheriglio di noce
  • olio EVO
  • limone
  • semi di girarole
  • sale qb

Come si fa:

  1. taglia a dadini la zucca e fai cuocere a vapore per 5 minuti
  2. ricava 16 palline dal formaggio caprino e ricoprine la metà con i semi di sesamo e l’altra metà con i semi di papavero
  3. condisci l’insalata con una citronette fatta di olio, limone e sale e aggiungi la zucca cotta a vapore, le palline di caprino, i gherigli di noce e i lamponi. Per un ulteriore tocco di croccantezza completa con qualche seme di girasole
  • Cara Sandra, trovo molto stimolante questo modo di affrontare un nuovo anno…o la propria vita in generale. Uncluttering è un’operazione che dovremmo fare tutti, per rimuovere le abitudini sedimentate che non hanno più senso di esistere e far entrare aria nuova e fresca.
    È la stessa sensazione che dà la tua insalata, allegra e colorata, con ingredienti non scontati e abbinamenti per me insoliti. Mi piace molto!
    Un abbraccio!

    • taccuinodicucina

      Cara Alice, il decluttering è un mio sogno da un po’ di tempo e quest’anno, un passettino alla volta, sta davvero diventando la mia filosofia quotidiana. Certo non è affatto facile….poi per una disordinata e accumulatrice come me non ti dico… ma l’importante per tutte le cose è cominciare!!!
      L’insalata è venuta veramente bene nella sua semplicità è particolarmente gustosa!
      Grazie e un forte abbraccio anche a te!

  • Pingback: Un’insalata variopinta e la mia parola ispiratrice per quest’anno | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani()