Tapas con baccalà e la felicità di essere padrona del proprio tempo!

002b

Finalmente all’aria aperta, mi godo l’aria frizzante che entrando dalle narici sembra diffondere una ventata di energia a tutto il corpo. Ore di fila seduta ad ascoltare parole che si ripetono all’infinito rotolando su se stesse senza arrivare da nessuna parte. Riflettermi in occhi sbarrati che sembrano stupirsi dell’ovvio. Osservare volti deformati da smorfie per rimarcare che l’ovvio non può essere recepito solo con le sensazioni, va dimostrato con numeri e formule. Assistere impotente all’evoluzione di cose estremamente semplici in cose complicatissime.

Cammino scaldandomi il cuore con i caldi colori che le natura mi regala. Calpesto ogni foglia, e al posto di ognuna di essa vorrei ci fosse uno dei momenti inutili vissuti questa settimana. Ascolto il rumore dei miei passi e lo preferisco alle tante parole vuote che ho ascoltato.

026

L’aria stasera profuma di muschio e di legna bruciata. Cade qualche goccia sottile, mi piace. Mi accorgo che sto sorridendo. E’ tutto così lontano. Sono qui, padrona del mio tempo, dei miei spazi. Non ho bisogno di nessuna analisi o numero a dimostrazione del fatto che quella che sento è felicità. “Yes, It’s only  my feeling. And my feeling now is happiness “.

A completamento di questo stato di benessere, tornata a casa mi sono finalmente dedicate alla preparazione delle tapas e specialmente alla loro degustazione! Una cena sfiziosa accompagnata da un ottimo Soave classico (Le Battistelle).

Una sfida particolarmente sfiziosa quella proposta da Mai Esteve del blog Il Colore della Curcuma per l’ MTChallenge N. 60 : le Tapas.

Il termine tapas definisce l’insieme infinito di stuzzichini serviti nei locali spagnoli per acccompagnare una bibita, spesso un bicchiere di vino. E’ usanza in Spagna  passare da un locale all’altro e, anzichè gustare le Tapas come aperitivo (come facciamo spesso in Veneto con i cosiddetti “cicchetti”), farne un vero e proprio pranzo o cena. E’ infatti molto diffuso il modo di dire “vamos a tapear” che non è altro che una maniera simpatica per consumare un pasto completo saltando da un locale all’altro mangiando tapas in buona compagnia.

Come spiegato nel regolamento di questa sfida, le tapas sono state divise in tre grandi categorie:

  • Tapas  intese come piccola porzione di un piatto intero, da mangiare con le posate, preferibilmente seduti
  • Montadito, crostini o panini mignon da farcire secondo fantasia
  •  Pinchos, veri e propri finger food, da infilzare con uno stuzzicadenti e da mangiare anche in piedi al bancone del locale

Altra regola della sfida era quella di avere un filo conduttore che legasse tra di loro le tre ricette.

Io ho scelto come filo conduttore quello del baccalà, preparando le seguenti ricette:

PicMonkey Image

TAPAS:

“Bacalao” alla portoghese

Avendo scelto il tema del baccalà non potevo non ispirarmi a una ricetta portoghese! Il baccalà infatti è talmente diffuso in Portogallo che sembra esista una ricetta diversa per ogni giorno dell’anno ad esso dedicata. Nel 1500, quindi durante il periodo dei grandi viaggi ed esplorazioni, i portoghesi avevano fatto propria l’abitudine di pescare grosse quantità di merluzzo nei mari del nord Europa, e di conservarlo con il metodo della salatura.

Questo permetteva di consumarlo anche dopo molto tempo, e quindi di farne grandi scorte. Il baccalà diventò presto uno degli alimenti più diffusi nel paese, da qui l’esigenza di trovare quante più ricette possibili per evitare il rischio della noia nel mangiarlo così spesso.

Cosa ti occorre:

Dosi per 4 persone

  • ½ kg di baccalà precedentemente ammollato
  • ½ lt di latte
  • 300 g di patate
  • 100 g olive nere ( io quelle di Gaeta)
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • 6 cucchiai di olio EVO
  • peperoncino piccante
  • 4 cucchiai di pane grattuggiato

Come si fa:

  1. Fate bollire il baccalà nel latte per circa 10 minuti. Spellatelo,  eliminate eventuali lische e tagliatelo a fettine di circa un cm di spessore. Nel frattempo fate bollire anche le patate con la buccia contando sempre una decina di minuti da quando l’acqua inizia a bollire
  2. Scolate il baccalà. Una volta raffreddate le patate, sbucciatele e tagliatele  fette di circa ½ cm di spessore.
  3. In una pentola fate soffriggere nell’olio le cipolle affettate , lo spicchio d’aglio e il peperoncino. Unite quindi il baccalà e le olive denocciolate,  girate e fate insaporire per qualche minuto.
  4. In un tegame di terracotta ( io ne ho usati 4 piccoli in maniera da avere già le singole porzioni da tapas), mettete uno strato di patate, uno di baccalà e così via fino a concludere con le patate . Completate con  una spolverata di pane grattugiato e un filo d’olio e infornate per circa 15 minuti a 200°. Negli ultimi minuti io ho anche acceso il grill per un po’ di gratinatura. Un piatto ottimo da gustare tiepido e ancora più buono se mangiato il giorno dopo!

PicMonkey Image3

MONTADITO:

Crostini con baccalà mantecato

In tutta Italia si definisce baccalà il merluzzo conservato tramite salagione e stoccafisso quello conservato per essiccamento. Si fa eccezione nell’area del Triveneto dove in quasi tutte le ricette viene comunemente usato lo stoccafisso chiamandolo però baccalà!

Cosa ti occorre:

Dose per 4 persone

  • 500 g di stoccafisso gia ammollato e pulito
  • 120 g di olio
  • sale e pepe qb
  • 1/2 spicchio di aglio (se piace)
  • fettine di pane tostato o polenta per servire

Come si fa:

  1. Fate cuocere il baccalà per 20 minuti in acqua bollente. Scolatelo e mantecatelo in un frullatore unendo l’olio a filo fino a ottenere una crema (se piace frullate anche l’aglio)
  2. regolate di sale e pepate secondo gusto. La dose di olio potrebbe aumentare se il baccalà lo richiede. Nel caso, per non usare troppo olio potete aggiungere qualche cucchiaio di brodo vegetale
  3. servite ben freddo su fettine di pane tostato o polenta abbrustolita

PicMonkey Image2

PINCHOS:

Baccalà e salvia in tempura

Il filetto di baccalà fritto è un piatto della cucina romana tradizionalmente servito come antipasto alla vigilia di Natale ma ora diffuso tutto l’anno. In genere la pastella si fa utilizzando farina 00,  acqua frizzante o birra e spesso del lievito.

A me piace molto fatto in stile “tempura”,  quindi con la pastella fatta semplicemente utilizzando farina di riso e acqua frizzante, che crea una crosticina leggerissima e croccante!

Cosa ti occorre:

Dose per 4 persone:

  • 200 g di baccalà già ammolato
  • 20 foglie di salvia grandi
  • 100 g di farina di riso
  • 150ml di acqua frizzante ghiacciata
  • olio per friggere
  • sale

Come si fa:

  1. Tamponate i filetti di baccalà tra due fogli di carta da cucina e tagliateli a pezzettini (io li ho fatti di un paio di centimetri)
  2. in una ciotola mettete la farina di riso e aggiungete acqua frizzante molto fredda. Mescolate bene con una piccola frusta . Consiglio di aggiungere l’acqua poca per volta in maniera tale da regolarvi sulla consistenza della pastella che deve essere fluida ma non troppo liquida
  3. in un pentolino dai bordi alti aggiungete abbondante olio e portatelo a temperatura (l’ideale per la frittura è 180°). Immergete i pezzi di baccalà e le foglie di salvia ben lavate e asciugate nella pastella.
  4. fate cuocere prima la salvia per 2/3 minuti e, quando avrete fritto tutte le foglie, iniziate con il baccalà friggendo i pezzetti per circa 4/5 minuti. Friggetene pochi per volta per non fare abbassare la temperatura dell’olio  e girateli di tanto in tanto  (la pastella non dovrà scurirsi troppo)
  5. salate a piacere e servite infilzando su uno stuzzicadenti prima una folgia di salvia e sopra un pezzetto di baccalà

Con queste ricette partecipo all’MTC N. 60 –  di Mai – Las Tapas

14563529_10210306117636683_9089769490143455314_n-300x143

 

 

  • Pingback: Tapas con baccalà e la felicità di essere padrona del proprio tempo! | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani()

  • Andante Con Gusto

    Cara Sandra, le tue considerazioni sono molto giuste, spesso la vita diventa un ufficio complicazioni cose semplici. C’è gente che ci prende pure la laurea. Ma avere la capacità di trovare in sé stessi il senso della semplicità che è sinonimo dell’essere felici, è un grande dono.
    Le tue tapas sono favolose. Trattare il baccalà come si deve è un’arte ma tu evidentemente ce l’hai nel Dna. Sono un crescendo di delizia e sarei felice di assaggiarle di fronte ad un bel calice ed ottima compagnia.
    Un abbraccione.

    • taccuinodicucina

      Grazie Patrizia! Pensa che anni fa il baccalà non lo mangiavo neanche volentieri… poi non so come mai me ne sono veramente innamorata e pian piano ho iniziato a cucinarlo spesso e a provarlo veramente in “tutte le salse”! Questa settimana comunque boicotto chiunque mi vuole complicare la vita 😉
      Buona serata cara!

      • alessandra

        C’e’ gente che ci prende la laurea- e poi ci si costruisce su una carriera. Il peggio e’ sempre questo… qando te li ritrovi sopra di te, a farti perdere il tuo tempo in ore e ore di spiegazioni inutili… e il senso di frustrazione e’ lo stesso che provi tu, sandra, non sai quanto ti capisco.
        Pero’ e’ vero che basta una passeggiata, per ristorarsi lo spirito. Specie se prima si risistemano valori e cose importanti. E comunque, cucinare con lo spirito sereno e’ l’ingrediente migliore,in assoluto. E Questo trittico di baccala’ ne e’ una conferma: non c’e’ tapas di cui non farei il bis. Bravissima!

        • taccuinodicucina

          Grazie Alessandra! E meno male che ci sono le belle passioni che fanno passare in secondo piano certe “brutture” con le quali dobbiamo confrontarci … 😉
          Un abbraccio forte!

  • Cara Sandra, capisco il senso di frustrazione di cui parli, l’impotenza di fronte all’assurdo del quotidiano. A volte ci si sente presi nell’ingranaggio e incapaci di fare alcunché per fermarlo. Ma ogni tanto si può saltarne fuori, ed è bellissimo respirare l’aria fresca e godere dei nostri passi, semplicemente, ed essere felici.
    Le tue ricette mi tentano molto perché sono una grande amante del baccalà…mi hai proprio fatto venire voglia di farlo.
    Ti mando un grande abbraccio.

    • taccuinodicucina

      Cara Alice, a volte si arriva al venerdì sera proprio provati! Poi però spesso basta una passeggiata all’aria aperta per riprendere contatto con se stessi e sentirsi bene! Poi una buona cenetta sicuramente contribuisce…in questo caso le tapas e un buon bicchiere di vino mi hanno fatto decisamente bene 🙂

  • che trittico!!!!!!
    e brava Sandra.. prenditi il tuo tempo!!!!
    ciao
    elisa

    • taccuinodicucina

      Grazie Elisa!!!
      Un abbraccio 😉

  • Pingback: Maria Smith()