Tacos con uova strapazzate all’harissa e il “food trend” per il 2015

244

Tacco basso o stiletto, gonna mini o maxi? E le previsioni di mercato per il settore per il quale lavoriamo? Cosa condizionerà il nostro lavoro? E quale sarà l’oggetto più “cool” dell’anno ? Le fashion victim vestiranno in total white, dark o full color? Quale sarà il genere di musica che ci accompagnerà? Capelli lunghi e mossi o corti e scolpiti? E una sbirciata all’oroscopo?

L’inizio del nuovo anno porta sempre con se un pizzico di curiosità e voglia di rinnovamento. La lista dei buoni propositi/obiettivi , scritta a matita nel nostro vecchio taccuino o digitata e archiviata con cura nello smartphone, ci spinge a dedicare un po’ di tempo alla lettura di quello che esperti o meno dei vari settori prevedono e che a noi piace tener d’occhio e fare!

E’ ovvio che non vi parlerò di moda nè vi annoierò con i pronostici del settore in cui lavoro! Neanche il fatto che Giove renderà fantastico l’anno di chi come me è nato sotto il segno della Vergine penso possa essere di grande interesse.

Oggi vorrei raccontarvi quello che ho letto qui e la relativamente al food trend per il 2015!

250

I massimi esperti del food hanno infatti raccontato in diverse interviste le loro previsioni in fatto di tendenze e, un famoso studio britannico di consulenza per la ristorazione, ha anche stilato un elenco degli ingredienti che vedremo sempre più spesso nei menu’ di questo anno appena iniziato. Ecco le cose principali che ho letto, in particolare in un bellissimo articolo su “Il Corriere della Sera”.

La ‘nduja calabrese e l’harissa tunisina scaleranno la hit parade degli ingredienti piccanti. I tacos, classico  “street food” messicano entreranno molto probabilmente anche nei menù dei ristoranti classici, magari in veste più elegante.

Tra i legumi con un alto valore proteico da star faranno i piselli. Molto di tendenza saranno anche i pistacchi e non solo per accompagnare l’aperitivo! La notizia che proprio non incontra il mio gusto è quella che purtroppo sembra saranno nobilitati anche gli insetti!  D’altronde qualche avvisaglia c’era nell’aria, visto che già da qualche tempo rappresentano un ingrediente gourmet sulle tavole del Noma,  primo ristorante al mondo.

PicMonkey Collage

Negli Stati Uniti, dove le droghe leggere sono liberalizzate anche la cannabis ha già fatto capolino nelle proposte di alcuni chef e probabilmente l’andamento continuerà. Della serie : se il piatto non ti esalta, sarà l’ingrediente a tirarti sù il morale.

Tra i cereali ho letto che farà da star il Freekeh, un grano di origine mediorentale, entrato a far parte dei  presidi Slow Food. Molto più ricco di proteine, calcio, ferro e zinco rispetto al grano normale  questo grano è generalmente  utilizzato come accompagnamento a un buon piatto di stufato.

Tra le bevande posto d’onore per il tè verde giapponese: il matcha che sappiamo essere un vero concentrato di antiossidanti. Peccato per il prezzo…

Cibo slow e km zero continueranno ad essere molto popolari!

Ovviamente dopo aver letto tutte queste previsioni non potevo che sentirmi invogliata a prepararne qualcuna e quindi oggi : ” Tacos con uova strapazzate all’ harissa

Se è vero che faranno tendenza non lo so… nella mia cucina hanno riscosso un bel successo e quindi, almeno qui, un piccolo posto d’onore se lo sono conquistato per i prossimi mesi! Già me li immagino per una cena informale in una fresca sera d’estate!

265

Cosa ti occorre:

(dose per 4 tacos)

  • 4 tortillas di mais
  • 4 uova
  • 2 cucchiai di latte
  • 4 fette di bacon affumicato
  • qualche foglia di verza
  • 2 cucchiai di olio evo + 1 per condire la verza
  • 2 cucchiaini salsa harissa (o secondo gusto)
  • sale qb
  • qualche goccia di limone

Per la salsa Harissa:

  • 150 g peperoncini rossi piccanti
  • 1/2 cucchiaio di coriandolo fresco tritato
  • 1/2 cucchiaio di coriandolo essiccato in polvere
  • 1/2 cucchiaio di menta essiccata
  • 1/2 cucchiaio di cumino
  • 1 spicchio di aglio
  • olio evo qb
  • sale qb

Come si fa:

Sbatti con la forchetta le uova con i due cucchiai di latte e la salsa harissa, regola di sale. Scalda una padella con i due cucchiai di olio a fuoco medio, aggiungi le uova e con l’aiuto di una spatola flessibile spingi delicatamente le uova verso il centro lasciando scorrere la parte liquida intorno al bordo. Cuoci girando di continuo con la spatola finche le uova non si sono rapprese.

Scalda le tortillas in una padella e piegale mentre sono ancora calde. Puoi anche scaldarle nel forno a 200° mettendo ognuna a cavallo della griglia per qualche minuto (così facendo diventano belle croccanti e tengono facilmente la classica forma piegata).

Taglia il bacon a striscioline e fallo tostare in una padella senza grassi per qualche minuto.

A questo punto condisci con olio, sale e un goccio di limone la verza tagliata a striscioline. Mettila sul fondo di ogni tacos, aggiungi le uova strapazzate e per ultimo il bacon tostato.

Servi su un letto di verza accompagnati da altra salsa per chi ama il gusto più piccante!

Come si prepara la salsa Harissa:

Togli i piccioli ai peperoncini (mi raccomando di non dimenticare di usare un paio di guanti di lattice mentre fai questa operazione!), incidili per la lunghezza e togli tutti i semi. Lasciali immersi in acqua almeno per un’ora, scolali e mettili in un mortaio insieme agli altri ingredienti. Aggiungi man mano che pesti l’olio  fino a quando non ottieni una bella crema omogenea e densa ( un po’ simile alla consistenza del nostro pesto al basilico).  Io non avendo un mortaio abbastanza grande, dopo aver ridotto in poltiglia grossolana tutti gli ingredienti pestandoli,  ho trasferito il tutto nel mixer.

267

 

 

 

  • Chiara Setti

    Non sapevo che anche i cibi andassero di moda….e vedi un po’ invece!!! Molto interessante questa classifica e golosissimi i tuoi tacos! Un bacio

    • E’ vero Chiara, ormai si fanno previsioni per tutto…a me ha incuriosito tanto leggere queste cose, vedremo poi se durante l’anno le previsioni sono giuste o meno!
      Grazie! Un bacio anche a te!

  • Pingback: Payday loans()

  • Pingback: Maria Smith()