Piccoli bignè con Casatella Trevigiana DOP e Asparagi di Badoere IGP

DSC_0107

Sere fa, tornando a casa, mi è arrivata forte alle narici la scia di uno dei tipici profumi della bella stagione: quella dello stuzzicante  odore di carbonella sprigionato dal barbecue di qualche vicino.

Anche se quest’anno noi non abbiamo ancora inaugurato la stagione dei barbacue, l’invitante profumo serale, mi ha fatto venire voglia di provare qualche ricetta nuova per gli stuzzichini di “accompagnamento” all’immancabile calice di vino che si bene mentre si chiacchiera e ci si “affumica” intorno alla brace nell’attesa della giusta cottura!

Protagonista di questi piccoli bignè è la Casatella Trevigiana DOP che  proprio questo mese festeggia gli 8 anni del conferimento della DOP.

DSC_0103

La primavera è anche la stagione in cui si intensificano le sagre e gli eventi all’aperto e, per questi bignè ho preso spunto proprio da una particolare “cerimonia di gusto” che si terrà domenica 29 Maggio, sotto la loggia di Palazzo dei Trecento, in Piazza dei Signori a Treviso, che vedrà la Casatella Trevigiana DOP andare a nozze con l’Asparago di Badoere IGP.

Il territorio trevigiano, composto da fertili pianure irrigate da numerosi corsi d’acqua, colline soleggiate ricoperte di vigneti e altopiani profumati di erba, perfetti per gli allevamenti, ha per me un fascino quasi ipnotico nelle mezze stagioni, grazie ai brillanti colori che lo caratterizzano. La cucina trevigiana, tipicamente di “terra”, ha saputo sfruttare appieno la ricchezza di questo fertile territorio.

Il formaggio, proprio grazie ai numerosi allevamenti, è sempre stato un alimento importante nella Marca Trevigiana e il classico binomio “polenta e formajo” era spesso protagonista sulla tavola della gente umile. Le origini della Casatella Trevigiana DOP sembra risalire al XVII secolo, quando veniva chiamata formajela , facendo riferiento allo stampo cilindrico in cui veniva messa la cagliata per separarla dal siero.

Era un formaggio preparato in casa dalle famiglie contadine e, proprio per questo fu in seguito chiamato “casata” o appunto “casatella”.

DSC_0102

La zona di produzione della Casatella Trevigiana DOP, come espressamente specificato nel Disciplinare di Produzione, è circoscritta al solo territorio della Provincia di Treviso in maniera tale da garantire i tempi ristretti tra la raccolta del latte e la sua trasformazione in formaggio finito (48h). E’ un formaggio a pasta cruda ricavato dal latte vaccino intero il cui sapore ricorda quello dello stracchino, solo leggermente più dolce e con un gusto di latte più accentuato.

Perfetto mangiato semplicemente sul pane o sulla polenta, ma anche impanato e fritto, oppure accompagnato da mostarde. Ottimo anche per la preparazione di dolci a base di formaggio morbido.

In questi bignè le “nozze” tra Casatella Trevigiana DOP e l’ Asparago di Badoere IGP, caratterizzato dalla scarsa fibrosità,  direi che sono perfettamente riuscite!

DSC_0114

Per aggiungere un pizzico di freschezza ho aggiunto una spolverata di scorzette di limone disidratate che ho fatto al momento con la polvere di limone essiccata nel microonde.

Cosa ti occorre:

(dose per circa 24 bignè)

Per i bignè

  • 125 g di farina
  • 100 g di burro
  • 125 g di acqua
  • 3 uova
  • un pizzico di sale

Per il ripieno

  • 2 Casatella Trevigiana DOP
  • 2 mazzi di asparagi verdi (io Asparagi di Badoere IGP)
  • 1 pizzico di sale
  • la buccia di un limone non trattato

Come si fa:

  1. In una pentola porta a ebollizione l’acqua con il burro a pezzettini e il sale, versa la farina tutta in un colpo e mescola fino a quando il composto non si ispessisce e si attacca alla spatola staccandosi dalle pareti della pentola
  2. togli dal fuoco e metti il composto nella planetaria a cui avrai montato la frusta a K, falla girare qualche minuto in maniera da raffreddare un po’ l’impasto
  3. unisci un uovo alla volta facendo attenzione ad aggiungere l’altro solo quando il precedente è stato ben incorporato. L’impasto è pronto quando appare bello liscio e lucido
  4. trasferiscilo nella tasca da pasticciere a cui avrai messo una bocchetta di 10 cm e forma i bignè su una placca rivestita di carta forno, o ancor meglio una placca forata
  5. fai cuocere in forno statico a 200° per circa 10 min, poi abbassa la temperatura a 180 e fai cuocere per altri 15/20 min. Negli ultimi 5 minuti lascia lo sportello del forno leggermente socchiuso per far uscire l’eventuale vapore che si è formato. Lascia dentro al forno spento i bignè per altri 10 minuti in maniera tale da evitare sbalzi di temperatura che li farebbero appiattire

Per il ripieno:

  1. taglia qualche centimetro alla base degli asparagi per togliere la parte più dura e falli cuocere per circa 15 minuti in una pentola alta coperta, facendo attenzione a lasciare le punte fuori dall’acqua
  2. appena pronti taglia le punte e frulla la parte restante (questi asparagi erano davvero poco fibrosi, ma nel caso vedessi che frullandoli non ottieni una crema omogenea puoi passarli al passaverdura)
  3. unisci la crema ottenuta alla Casatella Trevigiana DOP e amalgama bene

Per comporre i bignè:

  1. taglia la parte superiore a ogni bignè e usando una tasca da pasticciere o un cucchiaino, riempili abbondantemente con la crema ottenuta
  2. metti su ogni bignè una punta di asparago e un pezzettino di pasta delle calotte superiori che hai tolto
  3. spolvera con un po’ di “polvere di limone”

Per fare la polvere di limone essiccata nel microonde ho preso spunto dal post di Elisa che vi spiega dettagliatamente come farla con qualsiasi erba aromatica. In pratica ho preso la buccia di un limone non trattato, l’ho messa su un foglio di carta forno nel microonde per due minuti alla massima potenza e poi l’ho pestata nel mortaio!

Veloce da fare e profumatissima!