La Genovese – per la giornata nazionale del Calendario del Cibo Italiano

038B

Oggi il Calendario del Cibo Italiano celebra la giornata nazionale della “Genovese” e io ho il grande onore di esserne ambasciatrice!

Il Calendario del Cibo Italiano è un progetto ideato e promosso dallAssociazione Italiana Fooblogger con l’obiettivo di divulgare il grande patrimonio della cultura e tradizione gastronomica italiana.

Ogni settimana viene approfondito un tema tra i tanti che hanno contribuito a rendere così ricca la storia della nostra cucina, inoltre ogni giorno viene celebrato un prodotto tipico o un piatto tradizionale.  L’ambasciatore di volta ci in volta ci porta a scoprirne la storia, gli aneddoti, le curiosità e ovviamente la ricetta. Un viaggio goloso partito il primo gennaio e che ci accompagnerà per tutto il 2016 arricchendo le nostre conoscenze e competenze in fatto di eccellenze gastronomiche italiane.

Collage2B

Io ho scelto di essere l’ ambasciatrice della “ Genovese” per rendere omaggio alla mia Napoli! Un piatto simbolo, insieme al più noto ragù, del tradizionale rito del pranzo domenicale napoletano, quando la casa iniziava a impregnarsi del delizioso profumo già nelle prime ore del mattino, o addirittura dal pomeriggio del giorno prima.

La Genovese si caratterizza per la lunghissima cottura della carne in una generosa dose di cipolle ramate e aromi. Un connubio perfetto in cui la carne, quasi sfaldandosi,  cede i propri umori alla cipolla che a sua volta ricambia impreziosendo la carne col suo sapore dolce. Un’unica preparazione per un saporito sugo ( si potrebbe quasi definire “crema”) con cui condire il primo piatto, di rigore “ziti” spezzati a mano, e poi ricoprire le fette di carne stracotta per il secondo piatto .

Qui nel sito dell’AIFB, oltre naturalmente alla ricetta, trovate un po’ di storia e di “leggende” che ho raccolto durante le mie vacanze natalizie a Napoli.

Un consiglio: quando avete tempo e voglia, dedicate una domenica mattina a questa preparazione. Sicuramente verserete qualche lacrima affettando le cipolle, ma assaggiandola,  vi accorgerete che ne è valsa la pena!

Ringrazio l’AIFB e tutti gli ambasciatori che con il loro impegno contribuiscono ogni giorno a rendere fantastico questo progetto!

 banner-calendario

Inoltre un grazie speciale a Carmine Allocca – fondatore e presidente del “Fan Club” dedicato alla genovese –  che con la sua passione contagiosa  mi ha ispirato e fornito tante notizie utili!

  • Gourmandia Chef

    È una bella lotta tra la genovese e il ragù. Nelle ricette come questa apprezzo il fatto che riesci a mettere a tavola una famiglia per tre giorni, per cui il tempo impiegato alla fine non è poi molto. Bellissimo articolo, Sandra. A presto :-)))

    • taccuinodicucina

      Hai proprio ragione! Inoltre metti a tavola la famiglia per il primo e il secondo piatto con un’unica preparazione, per cui alla fine il tempo impiegato per la preparazione viene ammortizzato alla grande! E ricompensato dalla bontà….. Grazie mille e un abbraccio forte!

  • Come dicevo sulla pagina principale conosco la Genovese, mio suocero era napoletano doc e la sorella una bravissima cuoca e anche lei aveva la sua Genovese. Preso nota buona serata.

    • taccuinodicucina

      Edvige allora una domenica dovresti proprio fare una sorpresa a tuo marito e preparargliela… 😉
      Un abbraccio!

  • Anisja

    Effettivamente si piange tanto 🙂 ma ne vale la pena!
    Una genovese spettacolare, complimenti!

    • taccuinodicucina

      Grazie davvero Anisja! Ma sì…cosa vuoi che sia qualche lacrima!
      Ciaooo

  • In ritardo, ma arrivo eh… Adesso vado a leggere sul sito AIFB la tua genovese 🙂

    • taccuinodicucina

      Cara Alice! Grazie…

  • Pingback: La Genovese – per la giornata nazionale del Calendario del Cibo Italiano | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani()